Gli Stalinisti se li conosci li eviti.

image

Scritto dal compagno Salvo Lo Galbo in risposta alle farneticazioni di alcuni compagni Stalinisti.

Siete ridicoli.
Innanzitutto, vorrei dire, riguardo alle frasi di Lenin “contro” Trotsky,
è risaputo (e solo gli ignoranti come voi, dacché “ignoranza” e “stalinismo” dovrebbero darli come sinonimi nei vocabolari, non lo sanno, e fanno “Ooooohhh!”, come i bambini di Povia a leggerlo) che Lenin e Trotsky inizialmente sono stati in contrasto. Trotsky non voleva trascinare i contadini, nella rivoluzione, e attaccare le piccole proprietà terriere come espressione, comunque, di paleocapitalismo preindustriale (e aveva ragione, teoricamente. Perché questo era. Politicamente, però, strategicamente – arte in cui Lenin eccelleva, Trotsky molto meno – conveninva comunque “bolscevizzare” anche il proletariato contadino arretrato e religioso che, secondo il marxismo più classico, del resto, ovvero quello secondo il quale il proletariato che capisce il comunismo, che vede la borghesia stargli direttamente di fronte, a sfruttarlo, – senza stati e ceti di mezzo – è il proletariato delle società a capitalismo avanzato, che concentra lo sfruttamento, e quindi concentra anche la risposta a questo sfruttamento. Per Trotsky l’avanguardia rivoluzionaria non poteva contemplare la partecipazione dei contadini, men che meno dei kulaki. Per Lenin sì, la questione contadina era da risolvere, nel merito, a rivoluzione avvenuta, ma, per intanto, serviva partecipazione. Anche, sì, la partecipazione di gente che non considerava la proprietà privata il male in quanto tale, ma perché c’era una proprietà privata più grossa della sua che la schiacciava e le faceva ombra.
Per il momento servivano braccia e fucili. Poi si vedeva!
Questo, il punto di tutta ‘sta millantata inimicizia e divergenza “radicale” tra Lenin e Trotsky.
Una questione che, a distanza di tanti anni, risulta essere di lana caprina, e non è stata, in realtà, nemmeno tanto saliente e soprattutto lunga, all’epoca.
Dal momento che Trotsky riconobbe prestissimo la ragione di Lenin in merito, abbandonò Martov e menscevichi affiliati, e si schierò dalla parte di Lenin e dei bolscevichi, a combattere (lui sì, col fucile in mano!) le armate dello zar e i reazionari, lui e il suo esercito.
Quello nelle foto accanto a Lenin combattente (non il Lenin rincoglionito dall’ictus che ormai non aveva neanche le forze per sputargli in culo, al vostro fasciobaffone di merda), era Trotsky, non Stalin.
Ma questo, voi che siete degli ignoranti, dei negazionisti, e quindi dei reazionari, di merda, non lo sapete. O lo sapete, ma è più comodo cancellare Trotsky dalle foto direttamente e tacere sul testamento (quello sì, roba importante! Visto che si tratta delle disposizione prima di morire) di Lenin dove lasciava scritto di allontanare Stalin dal partito perché era pericoloso per le sorti della rivoluzione.

Perché invece delle quisquilie meramente tattiche e logistiche tra Lenin e Trotsky che ripetete a pappardella senza un minimo di implicazione e di conoscenza in merito sperando, in ‘sto modo, di delegittimare Trotsky e il trotskismo, non parlate dei rapporti pessimi tra Stalin e Lenin?
Non parliamo del fatto che morirono in lite, senza più rivolgersi la parola?
Non parliamo della data sbagliata riferita a Trotsky circa i funerali di Lenin, di modo da poterlo screditare di fronte all’opinione pubblica e al partito, a causa della sua imperdonabile assenza?
Non parliamo del Molotov-Ribentropp? Non parliamo della fondazione di Israele e del genocidio palestinese iniziato PROPRIO grazie al compagno Stalin?
Non parliamo di cosa scrisse Gramsci, a Togliatti e ai compagni di Mosca, circa lo stalinismo?
Non parliamo di TUTTO il partito, TUTTI i compagni di Lenin perseguitati e UCCISI dal nazibaffo di merda complottaro imperialista pappone?
Della Lubjanka, di tutti gli intellettuali compagni esiliati e ammazzati perché “nemici della rivoluzione”? …Sono argomenti difficili, lo capisco; perché sono cose che si sanno se SI STUDIA
Ah, già. Ma “studiare” è cosa da borghesi e da cospirazionisti controrivoluzionari, giusto.

Perché non parliamo di Zinoviev, Kamenev, Bucharin che era addirittura un sostenitore di Stalin, salvo poi ritrovarsela nel culo anche lui, di Radek costretto al silenzio e alla miseria, fino alla morte?
Non parliamo di quanto, solo con l’inganno, la falsificazione storica e la retorica (almeno, stando a quanto riportate, quella di Trotsky era “vuota”. Quella di Stalin era reazionaria), la soppressione, la negazione d’ogni confronto (e quelli “pseudo-democratici” sarebbero i trotskisti del PCL? Ma voi siete delle MERDE, SIETE!), e il complottismo,
Stalin è riuscito ad accaparrarsi il potere e a condurre il destino della Rivoluzione a beatissime puttane?
Perché non parliamo della Russia post-Lenin e post-Stalin?
Fino a Putin, che, suppongo, se quello è il pero, non vi dispiaccia affatto.

Ma che cazzo sto pure a perdere tempo con voi?
Stalin è stato la vergogna della Russia, il tradimento della Rivoluzione, e il più grosso CAZZO IN CULO al proletariato.
E visto che l’ignoranza abissale in cui vivete vi fa equiparare i trotskisti ai rifognaroli,
per vostra norma e regola, PEZZI DI MERDA,

Rifondazione era esattamente la gran parte del PCI che vi era rifluita, dopo il suo scioglimento.
IL PCI del signor Togliatti, sempre per vostra norma e regola.
L’opportunista, riformista, fariseo filostalinista fino all’abiura di sé.

Siete una vergogna talmente grande che non vale nemmeno parlarvi.
Le piccozze in testa sono medaglie al valore, se ci vengono dalla borghesia e dall’imperialismo.

Tanto di guadagnato, perciò, e il tempo (quello vero, non quello taroccato sui documenti e le foto degli stalinisti), lui sì, giudica impietosamente, con le sue cause e i suoi effetti.
Tanto che, oggi, il PCL è il partito comunista rivoluzionario più forte d’Italia, e voi siete i reietti traditori di Togliatti, di Israele (–> USA; ma i venduti agli states siamo noi), e dell’imperialismo capitalistico reazionario, omofobo e fascista euroasiatico.

E ci rosicate!

Ma succhiare ce la potete.
Sempre e solo SUCCHIARE!

Compagno Graber

Un pensiero su &Idquo;Gli Stalinisti se li conosci li eviti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...